lunedì, 23 ottobre, 2017
ULTIME NEWS

    Broker trading Ethereum

    Il trading è un fenomeno in continua espansione, da qualche anno a questa parte. Tutti i broker, abbassando i depositi minimi ed utilizzando la leva finanziaria, hanno permesso a tutti gli utenti di diventare dei trader. Fino a qualche anno fa era invece riservato solo agli investitori istituzionali o a coloro che possedevano un capitale ingente. Tra gli asset più negoziati troviamo le valute. Lo scopo del trading di valute è di comprare una valuta quando il valore è basso e rivenderla quando il prezzo sale. Semplice, no?

    Con l’avvento delle criptovalute, tra le quali la più famosa è il Bitcoin, i broker hanno dovuto espandere la loro offerta di negoziazione. Da 4 anni circa, si sente molto parlare della valuta Ethereum, ma cos’è? Cosa sono queste nuove valute? Come è possibile fare trading delle crypto-curriences? Quali sono i broker che permettono questa nuova tipologia di negoziazione? Questa guida proverà a rispondere a queste semplici domande.

    Crypto-curriences: cosa sono?

    La definizione tecnica di criptovaluta è: asset digitale crittografato impiegato negli scambi. Sembrerebbe una definizione scritta in arabo, in realtà è mlto più semplice di quello che si pensa. Le crypto-curriences, in italiano ” criptovalute “, sono delle monete virtuali. In pratica, attraverso l’utilizzo di queste valute, non si ha più bisogno di un portafoglio contenente banconote e monete. La larga diffusione di questi metodi di pagamento è dovuta principalmente alla loro sicurezza. Niente più scippi al mercato, niente più banche rapinate. Tutto il traffico di moneta viene gestito virtualmente, in un ambiente altamente protetto tramite crittografia.

    trading ethereum

    Guida broker ethereum

    Non esiste un’autorità centrale (come la banca centrale europea) capace di influenzare i consumatori. Gli utenti stessi, attraverso i loro computer, formano una rete di controllo per le transazioni monetarie. La maggior parte delle criptovalute sono progettate per immettere nel sistema monetario piccole somme di denaro ogni tot tempo. Questo consente di rendere la valuta rara, e quindi di far lievitare il prezzo della stessa. Ad oggi esistono circa 80 criptovalute, quasi tutte nate sotto l’influenza del Bitcoin.

    Bitcoin: cos’ è ?

    Il BTC, sigla della criptomoneta Bitcoin, è stata creata nel 2009 da un utente anonimo. Questa valuta è sicuramente la più famosa delle monete digitali create. La rete Bitcoin permette di possedere denaro in maniera quasi invisibile. I bitcoin possono essere custoditi anche sul proprio PC, basta una connessione ad internet e un portafoglio BTC. Essendo la quantità di bitcoin limitata e conosciuta, l’inflazione non può essere strumento di una ridistribuzione della ricchezza.

    Tutte queste caratteristiche hanno reso Bitcoin, in pochi anni, la maggiore e più importante criptovaluta mai esistita. Da quando è stata creata il suo valore non ha smesso di crescere. Basti pensare che alla sua creazione un BTC valeva meno di un dollaro, il cambio attuale è di 3.700 dollari! Al momento nessuno Stato mondiale ha dichiarato il bitcoin illegale. Anzi, in molti Paesi è possibile fare acquisti utilizzando questo nuovo metodo di pagamento.

    Ethereum: ulteriori informazioni

    Ethereum stravolge i classici canoni delle criptovalute. Utilizza un sistema completamente differente rispesso al Bitcoin. Questa è infatti una piattaforma decentralizzata creata per lo scambio e la pubblicazione di contratti detti smart contracts. La moneta utilizzata all’interno di questo sistema si chiama Ether.

    Il software di Ethereum è stato rilasciato nel 2014, Ether è quindi una moneta virtuale piuttosto recente. Il suo successo è però stato immediato, solo nell’ultimo anno è cresciuto del 3000%! Alcuni economisti hanno ipotizzato che entro la fine del 2017, il valore di Ether possa superare quello di Bitcoin. A conferma di questa ipotesi, basta leggere questi dati: a gennaio 2017 il valore di un Ether si attestava intorno agli 8 dollari; a luglio il cambio è aumentato fino ad 800 dollari. Se continuasse con questo ritmo di crescita, la rete Ethereum supererà Bitcoin, sia come valore del singolo che come capitalizzazione totale.

    Questa crescita esponenziale ha indotto diversi investitori a decidere di puntare su Ethereum invece che su Bitcoin, definendo quest’ultima una bolla finanziaria. Il sistema Ethereum è in realtà molto differente rispetto al sistema Bitcoin:

    • Velocità di esecuzione: la blockchain di Ethereum impiega dai 5 ai 30 secondi per svolgere le verifiche, Bitcoin impiega diversi minuti;
    • Costi di transazione minori: essendo la blockchain di Ethereum modificabile e programmabile, si adeguerà di volta in volta al valore effettivo di un Ether;
    • Mining più facilmente eseguibile: basta un normale computer per minare Ether con profitto. Al contrario, il bitcoin necessita di potenze CPU elevate.

    Con il termine mining si intende quel processo con cui, offrendo la potenza di calcolo del proprio PC per eseguire le transazioni, si guadagna criptovalute.

    Conclusioni sulle criptovalute

    Bitcoin criptovaluta

    Il Bitcoin è la criptovaluta più famosa

    Da queste poche righe si può notare come le criptovalute stiano prendendo piede nel mondo digitale ad un ritmo elevato. Diversi Paesi ormai incoraggiano gli utenti a spendere e a consumare utilizzando le criptomonete. Dalla data di fondazione del bitcoin ad oggi, sono state create decine di valute digitali. Tutte quante hanno cercato di emulare il successo del grande predecessore Bitcoin, ma in realtà poche sono riuscite ad arrivare all’obiettivo previsto.

    Ethereum invece non si pone come concorrente di Bitcoin. Ha semplicemente preso d’esempio il capostitipe delle valute digitali e ha cercato di migliorare gli aspetti negativi di esso. Il Bitcoin attualmente viene visto come un investimento sicuro, come potrebbero essere i metalli preziosi (oro, argento, rame). Ethereum invece ha sconvolto l’ideologia di criptovaluta, creando un qualcosa di completamente nuovo ed innovativo.

    Trading su Ethereum, la questione morale

    In seno all’avvento delle criptovalute sono nati alcuni dilemmi etici. Questi riguardano anche i famosi Ether, che permettono facilmente a chi esegue le transazioni di rimanere anonimo. La disputa nasce proprio da questa difficile rintracciabilità, che ha portato presto l’attenzione dei malviventi su Bitcoin e altre valute di nuova generazione.

    La maggior parte dei volumi generati dalle transazioni in criptomonete riguarda la speculazione. Oltre il 90% degli Ether, infatti, è mosso da persone che intendono investire in questo nuovo conio digitale; la possibilità di generare gli stessi profitti di chi ha creduto nel Bitcoin anni fa è infatti allettante. Il restante 10%, tuttavia, è innegabilmente composto anche da una parte di hacker o trafficanti che usano questo sistema anonimo per regolare i conti con i clienti.

    Senza dubbio la criminalità esisteva già prima delle criptovalute, dunque il dilemma morale è in realtà presto risolto. Chi vive al di fuori della legge ha sempre trovato un modo per gestire le transazioni e continuerebbe a farlo anche se gli Ether non esistessero. Usare i broker online per fare trading su questa crypto-currency non significa di certo favorire il crimine organizzato. Si tratta semplicemente di un asset che, insieme ad altre innovazioni, sta cambiando il modo di intendere la finanza.

    Non possiamo sapere quale sarà il futuro di Ethereum, ma quel che sappiamo di per certo è che chi fa trading svolge un mestiere onesto come un altro. Gli asset, da sempre, che siano materiali o tangibili sono stati negoziati. In futuro le criptovalute si potranno usare per molti ppagamenti quotidiani, e saranno di uso diffuso. Affermare che servano solo ai trafficanti di droga è insensato; equivale a dire che le macchine esistono solo per investire le persone, ed alimenta il business del terrorismo psicologico.

    Come fare trading di criptovalute?

    Da qualche anno a questa parte è possibile effettuare negoziazioni di trading online con le criptovalute. In numerosi broker non si troveranno solo più i dollari, gli euro, le sterline; si potrà anche trovare bitcoin, ethereum, litecoin, ecc. Questa nuova opportunità apre nuovi spazi di trading, potendo ora speculare al rialzo o al ribasso anche sulle criptovalute.

    Attenzione però: le criptomonete tendono ad essere piuttosto volatili, con grandi sbalzi di prezzo in pochi minuti. Per effettuare negoziazioni su questo tipo di valute bisogna conoscere a fondo il mercato finanziario.

    Il funzionamento è piuttosto semplice e ricalca il trading della valute classiche. Si possono aprire due tipi di posizioni: rialzista (se si ipotizza che il prezzo salirà) o ribassista (caso contrario). Dopo aver aperto la posizione, il valore della criptomoneta farà variare l’eventuale profitto o perdita.

    Brokers trading consigliati con cui negoziare Ethereum

    Esistono numerosi broker di criptovalute, alcuni molto famosi, altri meno. Dopo il successo delle valute virtuali, tanti broker già esistenti hanno ampliato la loro offerta con le criptomonete. La maggior parte dei broker offrono bonus di benvenuto, conti demo gratuiti e bonus sul primo deposito. Di seguito si elencano i migliori e tutte le offerte che propongono.

    eToro trading Ethereum

    broker etoro

    eToro, primo broker ad offrire il trading di Ethereum

    Questo broker nasce nel 2006 a Cipro, ed è regolamentato dalla CySEC e dalla FCA. EToro è stato uno dei primi broker ad offrire ai propri clienti di visualizzare ed eventualmente copiare gli investimenti effettuati dagli esperti di trading. Per i principianti è un’occasione in quanto permette di negoziare con meno rischi, per i trader navigati è un’opportunità per incrementare i propri guadagni attraverso le operazioni vincenti generate. EToro offre due piattaforme distinte: Webtrader (utilizzabile attraverso il browser web) e Mobiletrader (per android e iOS). Seppur non completa come Metatrader 4, la piattaforma risulta facile da usare.

    Il broker offre una sola tipologia di conto, con deposito minimo di 200 dollari. L’importo minimo del prelievo è di 20 dollari (viene applicata una commissione di prelievo in base alla somma richiesta). EToro offre a tutti i propri clienti un conto demo illimitato e gratuito, contenente 10.000 dollari virtuali.

    Probabilmente una delle più famose e importanti piattaforme di trading online, da qualche anno ha iniziato ad offrire ai propri clienti il trading sulle criptomonete, attraverso lo strumento Copyfound. Grazie a strumento si potranno copiare gli investimenti effettuati dagli esperti di settore, cercando di raggiungere il maggior guadagno possibile. Grazie al broker eToro si potrà investire su Ethereum, Bitcoin, Ripple, Ethereum classic, Dash e Litecoin. Un’offerta piuttosto ampia, ma non la migliore tra i concorrenti.

    Le cryptomonete sono diventate una realtà nell’ultimo anno, ma il loro acquisto reale è ancora difficile. In eToro abbiamo cercato di semplificare fin da subito il modo di accedere ai mercati finanziari e ora abbiamo l’opportunità di utilizzare la nostra esperienza per semplificare l’accesso anche a questo nuovo mercato. Attraverso eToro, gli investitori potranno beneficiare dell’esperienza e dei risultati ottenuti dai membri della community anche nel settore delle criptomonete.            Yoni Assia, co-fondatore e CEO di eToro

    LEGGI LA RECENSIONE! VAI AL SITO ETORO!


    Plus500 trading Ethereum

    broker plus500

    Trading ethereum con Plus500

    Plus500 è diventata molto famosa negli ultimi anni, grazie ad una sponsorizzazione massiccia in tutti i canali internet. Viene fondata nel 2008 ed ha sede a Cipro. Il broker offre più di 2000 asset differenti tra forex, CFD, materie prime, indici, metalli preziosi e prodotti energetici. Una delle offerte più complete sul mercato.

    Viene regolamentato dalla CySEC, FCA e ASIC. Al momento dell’iscrizione si ha la possibilità di aprire solo il conto standard, che potrà essere evoluto in conto gold. Il deposito minimo è di 100 euro, nessuna commissione su versamenti e prelievi. Il broker utilizza tre piattaforme di sua proprietà:

    • Versione desktop: programma scaricabile ed installabile sul proprio PC per fare trading online;
    • Plus 500 web trader: piattaforma di trading utilizzabile sul browser web;
    • Plus 500 mobile: applicazione per smartphone android o iOS.

    Plus500 offre la possibilità di utlizzare un conto demo gratuito ed illimitato. Ad avvenuta registrazione, confermando il proprio numero di cellulare, si riceverò un bonus di 25 euro. Ovviamente il bonus non è prelevabile, ma lo saranno gli eventuali profitti generati da esso.

    Nonostante l’ampia offerta di asset, recentemente Plus500 ha implementato le criptovalute all’interno delle sue piattaforme. Grazie a questo broker si potrà investire su Ethereum, Bitcoin, Ripple, Nem, Dash, Litecoin e Bitcoin cash. Questo aggiornamento sugli asset negoziabili ha reso Plus500 il broker con l’offerta più elevata del mercato!

    LEGGI LA RECENSIONE! VAI AL SITO PLUS500!


    Markets.com trading Ethereum

    broker marketscom

    Trading ethereum con markets.com

    Il broker Markets.com offre piattaforme piattaforme di trading semplici da utilizzare con una buona offerta di asset. Fondato nel 2008, ha sede a Cipro. Markets permette ai suoi clienti di negoziare forex, CFD, materie prime, indici, metalli preziosi e prodotti energetici.

    Il broker è gestito dalla Safecap Invested Limited, ed è regolamentato dalla CySEC e FSB. Inoltre l’azienda aderisce al Fondo di Compensazione che assicura ogni cliente fino ad un massimale di 20.000 dollari. Le piattaforme offerte da Markets.com sono tre: webtrader (piattaforma nativa utilizzabile da browser web), mobile webtrader (utilizzabile da smartphone) e Metatrader 4 (la piattaforma più famosa nel mondo del trading online).

    Il broker offre la possibilità di aprire due conti separati, in base alla piattafroma che si vorrà utilizzare. Il deposito minimo è di 100 euro e non esistono commissioni. L’importo minimo prelevabile è di 10 euro.

    Per quanto riguarda le criptovalute Markets offre la possibilità di negoziare 6 asset differenti: Ethereum, Bitcoin, Ethereum classic, Dash, Litecoin e Bitcoin cash.

    LEGGI LA RECENSIONE! VAI AL SITO MARKETS.COM!


    Trade.com

    trade.com

    Trade,com trading ethereum

    Trade.com viene creato nel 2009 ed ha sede a Cipro. Viene regolamentato dall CySEC e FCA. Le piattaforme utilizzabili sono due: webtrader (per browser web e smartphone) e Metatrader 4. Il broker permette l’utilizzo gratuito ed illimitato del conto demo. Quest’ultimo avrà al suo interno 10.000 dollari e servirà all’utente per prendere dimestichezza con il trading online. Trade.com permette di aprire 3 tipologie di conti differenti:

    • Classic: deposito minimo 100 euro. Non si avranno a disposizione strumenti come i segnali tramite SMS, il trading central e l’assistenza clienti premium.
    • Gold: deposito minimo 5.000 euro. L’unico strumento mancante in questo conto è l’assistenza clienti premium.
    • Platinum: deposito minimo 25.000 euro. Grazie a questo conto si potrà godere di tutti gli strumenti offerti dal broker.

    L’offerta resa disponibile ai cliente per quanto riguarda le criptovalute è la seguente: Ethereum, Bitcoin, Dash, Litecoin. Il broker offre un discreto lotto di criptovalute ma non è all’altezza dei broker più blasonati.

    LEGGI LA RECENSIONE! VAI AL SITO TRADE.COM!


    Broker che offrono Ethereum affossano le banche?

    Spesso si discute di come le banche soffrano la diffusione delle criptovalute. Poiché il sistema blockchain alla base è decentralizzato e diffuso, nessuno può possedere il controllo del mercato. Le grandi istituzioni finanziarie, tuttavia, non sono pronte ad affrontare questa rivoluzione perché comporta un loro ridimensionamento.

    Nel sistema monetario classico, una banca centrale decide la quantità di moneta da offrire alle banche ed il tasso di interesse. Questo significa che la politica governativa è in grado di influenzare il valore della valuta. Da una parte, il controllo governativo permette di dare flessibilità all’economia in periodi di crisi e di evitare l’eccessiva inflazione nei momenti di crescita; dall’altra è chiaro che gli investitori si trovino ad affrontare passivamente le scelte di qualcun altro.

    Nel sistema delle criptovalute, per contro, la domanda e l’offerta sono gli unici due parametri che influenzano il valore degli asset. Questo significa che nessuno ha il dominio di Ethereum. Nessuno potrà tagliare i tassi abbassandone drasticamente il valore, ma nessuno potrà altresì fermare l’eccessiva crescita del prezzo in caso di bolla speculativa. I grandi manager delle anche più famose, infatti, sconsigliano l’investimento in Ether o Bitcoin adducendo che si tratti di una spirale inflazionistica destinata a crollare.

    La sensazione è tuttavia che le banche non siano pronte a cedere la propria posizione dominante, e che dunque le parole dei loro rappresentanti siano viziate dal conflitto di interessi. In un sistema decentralizzato, infatti, anche le grandi banche private perdono potere.

    Come scegliere il broker per negoziare Ether

    In base alle proprie esigenze è possibile definire diversamente la scelta del broker. Sono infatti in molti ad offrire l’accesso al mondo di Ethereum, ma se questa criptovaluta rimane la stessa le condizioni di negoziazione sono diverse.

    Per prima cosa occorre considerare la volatilità. La capitalizzazione di mercato non è infatti ancora paragonabile a quella di Bitcoin; lo stesso BTC non si può confrontare alle valute tradizionali in termini di volume.

    Questo significa che la volatilità sarà molto alta, con forti oscillazioni quasi quotidiane. Per chi si trova a cavalcare il trend dalla parte giusta si tratta di una miniera d’oro, ma può essere rischioso per chi esegue un’entrata nel momento sbagliato.

    Se non si è disposti a vedere il proprio conto “fare le montagne russe” sarà bene scegliere un broker che offre una leva poco elevata. In questo modo i movimenti saranno più controllabili e le oscillazioni contenute. Per i più amanti del rischio, invece, sarà meglio puntare su leve alte e margini bassi in modo da poter eseguire investimenti corposi.

    In entrambi i casi rimane poi importante orientarsi su un broker che limiti al massimo le rinegoziazioni, in quanto è facile trovarsi di fronte a momenti di scarsa liquidità. Malgrado la capitalizzazione non così consistente, infatti, molti players del mercato finanziario desiderano negoziare Ether e questo genera problemi con le quotazioni sui brokerche non hanno un facile accesso alla liquidità in criptovalute.

    Grafico live Ethereum

    grafico ethereum

    Il valore di Ethereum è cresciuto rapidamente nel 2017

    Come viene mostrato dal grafico, il valore di Ethereum è cresciuto rapidamente nel 2017. Questo conio virtuale prima era poco noto, ma presto la sua versatilità l’ha reso noto in tutto il mondo. Per chi ha aderito all’iniziale ondata di investimenti si è trattato di un vero colpo di genio! Investendo  10mila euro il primo giorno del novembre 2016, in dieci mesi si sarebbero generati circa 300mila euro di profitto.

    Se si paragona una redditività come questa agli investimenti tradizionali, è chiaro che le due cose siano completamente su pianeti diversi. Questo non significa che fare trading su Ethereum escluda il rischio di perdite; è tuttavia innegabile che la sua crescita sia stata un caso più unico che raro nella storia della finanza moderna.

    È bene ricordare che le oscillazioni del Bitcoin sono in grado di influenzare l’andamento di Ether e altre criptovalute, dunque è bene mantenersi aggiornati e sempre attenti a cogliere le opportunità del mercato.

    Conclusioni

    Le criptovalute in pochi anni si sono ritagliate una sostanziosa fetta dell’economia mondiale. Bitcoin, Ethereum e Litecoin sono solo alcune delle innumerevoli criptomonete create recentemente. Dato l’enorme successo i broker hanno giustamente deciso di implementare queste valute nella propria offerta.

    Oggi è davvero facile trovare brokers in grado di assicurare servizi di qualità al trader che intende investire sul mercato delle criptovalute.

    Ovviamente il consiglio è quello di investire solo somme che si possono perdere e di studiare il mondo del trading. Per fare pratica esistono numerosi conti demo offerti dagli stessi broker, gratuiti. Per quanto riguarda la formazione, spesso i broker mettono a disposizione video lezioni o manuali.

    BROKER FOREX REGOLAMENTATI PER FARE TRADING SULLE VALUTE FOREX

    logo-broker marketscomDeposito minimo: €100
    Conto demo Markets.com
    Vantaggi
    : €25 omaggio +Trend trader + Analisi
    Regolatore
    : CySEC
    Recensione Markets.com
    Opinioni Markets.com
    REGISTRATI GRATISSito ufficiale
    Deposito minimo: 100€
    Conto demo Trade.com
    Vantaggi: 25€ omaggio + Formazione + 2000+ assets
    Regolatore: CySE
    Recensione Trade.com
    Opinioni Trade.com
    REGISTRATI GRATISSito ufficiale
    broker forex etoroDeposito minimo: €200
    Conto demo eToro
    Vantaggi: Social trading + eToro copy funds + Criptovalute
    Regolatore: CySEC
    Recensione eToro
    Opinioni eToro
    REGISTRATI GRATISSito ufficiale
    broker forex plus500Deposito minimo: €100
    Conto demo Plus500
    Vantaggi: 0 commissioni + Spreads bassi + Criptovalute
    Regolatore: CySEC
    Recensione Plus500
    Opinioni Plus500
    REGISTRATI GRATISSito ufficiale
    Broker forex top XM.COMDeposito minimo: €100
    Conto demo XM.com
    Vantaggi: 25€ omaggio + 50% bonus 1° deposito + 0 spreads&costi + Seminari
    Regolatore: FCA
    Recensione XM.com
    Opinioni XM.com
    REGISTRATI GRATISSito ufficiale
    Submit your review
    1
    2
    3
    4
    5
    Submit
         
    Cancel

    Create your own review

    Average rating:  
     1 reviews
    by giuseppe on Brokerforex.it
    etoro per ethereum

    per investire in ethereum io mi trovo benissimo con etoro in quanto non ha leva margine e posso investire con minor rischio.

    lo consiglio a tutti

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    © 2009-2017 Brokerforex.it | Broker Forex | Chi siamo | Contatti | Disclaimer